Ferrando

Ferrando

www.ferrandovini.it

Il nome dei Ferrando, viticoltori da cinque generazioni, è indubbiamente legato al Carema che nasce, da uve nebbiolo, nell’omonimo comune canavesano al confine con la Valle d’Aosta. Sono circa due gli ettari coltivati, anche se molto parcellizzati. Negli ultimi anni, sotto la guida di Roberto e Andrea Ferrando, si sono fatti investimenti per acquisire terreni e impiantare anche nuovi filari con allevamento Guyot al posto della classica pergola canavesana. Fiore all’occhiello dell’azienda è il Carema Etichetta Nera prodotto in circa 2500 bottiglie, solo nelle migliori annate e da uve selezionate, e invecchiato tre anni di cui due in barrique. Il Carema Etichetta Bianca matura invece in botti grandi da 20 ettolitri. Il resto della produzione si concentra sul Canavese Rosso e sui vini bianchi da vitigno erbaluce. L’Erbaluce di Caluso Cariola (3000-3500 bottiglie) nasce da un vigneto storico della zona di Piverone affacciato sul lago di Viverone. Le uve per l’Erbaluce di Caluso Torrazza arrivano invece da vigneti coltivati nella zona di Borgomasino. Da segnalare infine, per quel che riguarda le bollicine, il Metodo Classico Pas Dosé. Chiude la gamma dei vini il notevole Caluso Passito.
--